Michel Guérard

Michel Guérard: una cucina gioiosamente salutare

C’era un tempo in cui non erano diffusi i concetti come territorio, stagionalità e leggerezza. Principi basilari del buon cucinare di oggi, patrimonio condiviso in ogni parte del mondo. Negli anni cinquanta inizia a cambiare qualcosa e pionieri come Fernand Point iniziano a mettere al centro del gusto le materie prime rispettandone la stagionalità e la loro natura, senza aggiungere laboriose guarnizioni, lasciando il posto a preparazioni fresche e a porzioni e proporzioni più adeguate.

Uno dei fondatori più convinti e convincenti della Nouvelle Cuisine, inventore geniale della Cuisine Minceur, la prima cucina gourmet dimagrante, è Michel Guérard, il primo grande chef consulente di un’industria alimentare di surgelati, la Findus.

Guérard si focalizza sull’essenziale dei sapori, eliminando quanto più possibile, grassi e zuccheri in eccesso, in una cucina che diverrà punto di riferimento attuale, ancora oggi.

Nella piccola cittadella di Le Prés d’Eugènie, annessa al paesino di Eugènie les Bains nelle Landes, il suo ristorante si presenta come un’enclave di diversi ettari immerso nel verde all’interno del centro benessere di proprietà della famiglia della moglie, madame Barthélémy. É il benessere che immaginiamo. La cucina diventa protagonista, tramutando una promessa in una notevole realtà, salutare e deliziosa, rappresentando appieno 80 anni di modernità, un’invenzione prima che le mode lo imponessero, è tre stelle Michelin dal 1977.

Un’interpretazione del gourmet che appaga la vista prima e il naso poi.

Alle pendici dei Pirenei Atlantici, rappresenta una tappa imperdibile per i veri appassionati ed amanti della cucina francese. Superato l’imbarazzo tutto appare bellissimo. Sorpresa e imbarazzo dapprima, piena gioia di vivere poi. Dopo chilometri e chilometri di nulla. Un nulla che è già tutto, perché è natura. Lo stesso nulla che ha saputo cogliere l’animo di un giovane guidato dalla passione per la grande cucina, nel momento in cui varca quel confine e raggiungere la capacità di rendere godibile un piatto, senza abusare di condimenti.

L’intero menù minceur è da provare solo se inserito al seguito di in un percorso settimanale costruito intorno a tante cose. Una grande idea, oltre che filosofica sul tema del cibo, anche per mantenere la presenza prolungata della ricca clientela per un intera settimana, tra parchi, Spa, piscine, passeggiate a piedi o in bicicletta. Nel percorso tra i Relais & Chateaux con tavola gourmet trois etoiles non resta che programmare un periodo, di almeno 7 notti, ad Eugénie les Bains, alla scoperta di Michel Guerard e la rilassata evoluzione delle sue idee.

Related Posts

Comments are closed.